top of page
Cerca

LAKE OF MENTEITH / Un sidro meditativo sulle acque della storia


Nel cuore della Scozia Centrale il Lake of Menteith e’ un posto affascinante, circondato da boschi misteriosi. E' sufficiente allontanarsi solo qualche miglio da Stirling per trovarci gia’ in paradisi romantici e raggiungere questo lago che nei secoli ha attirato viaggiatori illustri. Seguendo la A811 e svoltando a destra sulla B8034 ci arrivi in 25 minuti di macchina o un oretta e mezza di piacevole biciclettata campestre.

Gli specchi d'acqua in Scozia sono un patrimonio prezioso del mondo, sono centinaia tra laghi, stagni e fiordi. Hanno influenzato e formato il carattere delle persone che vi abitano vicino. Noi stiamo andando verso un piccolo lago che ha una atmosfera incantata. Affianco al lago ci saranno si e no cinque case, incluso The Lake of Menteith Hotel dove ti consiglio di fermarti; hanno un tranquillo bar-ristorante con plendida vista sul lago.

Se ci passi d’inverno capirai l’emozione di un caminetto acceso e un sidro sorseggiato alla finestra.

Il lago si estende per due chilometri e mezzo quadrati e ha tre isolette, lal piu’ grande si chiama Inchmahome, grande abbastanza per ospitare una abbazia del 1200. Con la bella stagione c’e’ un servizio di barca che trasporta i visitatori nell’isoletta. Inchmahome, vuol dire isola e Mahome significavo MALCOLM, un missionario cristiano che porto’ la parola di Cristo in questa zona. Come in tutta Europa, fu importante il loro lavoro comuitario nell’alto medioevo. I monaci non avrebbero vissuto segregati ma avevano doveri pastorali e avrebbero interagito con il vicinato e si sarebbero dedicati anche all’agricoltura.

Per tutta la storia le isole sono state usate come rifugio dal mondo, posti pace e contemplazione. Ma un’isola in un lago e’ ancora piu’ speciale, e’ una forma di doppio isolamento.

Molta storia e’ passata per questo lago, ROBERT THE BRUCE e’ passato per l’isoletta di Inchmahome e cosi alcuni suoi discendenti incluso la regina MARIA STUARDA, Mary Queen of Scots. Quando venne qui era una piccola principessa di soli 4 anni. Lei e sua madre Marie De Guise si erano nascoste nell’isoletta per paura di venir catturate dai soldati inglesi di Enrico VIII. L’Inghilterra voleva forzare il matrimonio tra la principessa Mary e il figlio di Enrico VIII, Edward. Gli scozzesi non erano d’accordo, e gli inglesi, per portare a termine questo progetto, invadono la Scozia. Un episodio violento e sanguinoso chiamato il corteggiamento selvaggio. Per sfuggire alla cattura Maria De Guise e la bambina Maria rimasero chiuse nell’abbazia per tre settimane, il tempo di chiedere aiuto a Parigi e di imbarcarla verso la Francia. Non era sola, si porto’ con se le sue quattro amiche predilette, tutte di nome Maria.

Ma perche’ si chiama lake e non loch? Tutta colpa di un cartografo olandese del cinquecento, il quale mentre disegnava la zona chiese ad un locale come si chiamava quel luogo, l’uomo rispose “laich” of Menteith che in scozzese significa zona rurale, ma lui capi’ lake. Da allora sulle mappe viene riportato lake, l’unico lago scozzese che non sia un loch.

Molto vicina, a venti minuti, in direzione Loch Lomond, troverai Aberfoyle.

Aberfoyle, e’ conosciuta in Scozia come la terre delle faries. Nel 1600 un signore del posto, si chiamava Robert Kirk, appassionato di folklore gaelico, sosteneva di avere il dono della double vision, ovvero la capacita extrasensoriale - diffusa nel mondo delle highlands- di vedere folletti e fate nei boschi. Scrisse un libro, che fu pubblicato solo dopo 100 anni da Walter Scott. Il signor Kirk amava alla sera girovagare con il suo tunicone da notte per i boschi della vicina collina, Doon Hill, il portale per il mondo delle fate. Da queste sue eplorazioni raccontava di aver capito che ognuno di noi aveva un doppio, un essere fatato.Una sera non torno’, trovarono il suo corpo senza vita sotto un albero di noce. Molti pensano che quel corpo non sia il suo, ma quello del suo doppio. E che il vero signor Kirk sia stato imprigionato da forze oscure per aver divulgato le verita’ nascoste

37 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page